Disincanto

Il Disincanto.

( Articolo precedente : Incanto. )
Il Disincanto è uno degli eventi più dolorosi o estatici che possono capitare nella vita di un sincero ricercatore dell’Oltremondo.
Se hai letto l’articolo precedente e ti ritrovi in ciò che vi è scritto, potresti essere vittima di un Incanto.
A questo punto hai alcune opzioni:

  • Puoi archiviare il precedente articolo nei recessi della tua memoria, chiudere questo sito, e non tornarci mai più.
  • Puoi continuare a stare nell’avvolgente sicurezza dell’Incanto, continuando a fantasticare rispetto al tuo futuro e alle opportunità che potrebbero capitare nel tuo cammino e ai luminosi cambiamenti che potrebbero discendere dal cielo, giustificandoti prontamente quando non riesci a realizzare i tuoi sogni, a causa degli ovvi impedimenti che ti tengono immobile nel tuo cammino. Se sei fortunato prima o poi potresti ritrovarti ad affrontare situazioni molto dolorose, e vivere magari un tremendo Disincanto, altrimenti potrebbe non cambiare mai nulla.
  • Puoi fermarti e iniziare a osservare tutto quello che ti circonda, con molta attenzione. Le persone, le situazioni, i rapporti intimi; prova a togliere ogni tipo di filtro, ogni pensiero positivo o negativo, e osserva con occhio libero da condizionamenti. Questa non è una pratica facile, tutt’altro, poiché superare millenari condizionamenti mentali con il solo uso dell’osservazione è estremamente arduo, ma potrebbe essere un punto di partenza se il tuo interesse è incedere verso la Salvezza.
  • Puoi richiamare a gran voce il Disincanto. Attenzione, questa pratica è solo per coraggiosi.

Se hai deciso di affrontare l’ultimo punto, posso suggerirti semplicemente come fare.
Prima ti invito a farti una domanda.
Sei disposto a perdere tutto, a lasciare andare tutto per intraprendere la tua strada e per rispondere alla tua chiamata in questa incarnazione?

Se la tua risposta è si, richiama il Disincanto a gran voce, con ogni cellula del tuo corpo, richiedilo al cielo e alla terra, agli spiriti e agli elementi, e attendi qualcosa che arriverà presto.
Tutto qui?

Teoricamente si, a livello pratico però le cose sono un poco diverse.

Il livello di Disincanto in arrivo sarà direttamente proporzionale alla tua volontà di sciogliere l’Incanto stesso. Devi essere disposto a mollare tutto per ottenere il Disincanto, perché dopo ti ritroverai faccia a faccia con l’ignoto.
Quindi se sei disposto a mollare tutto “tranne quella cosa lì“, “proprio quella lì NO“, bene! Hai appena focalizzato l’attenzione su un punto molto importante in questa tua attuale esistenza! Ti auguro che tale esperienza possa portarti verso lidi luminosi, e magnifiche benedizioni.

 

Tutto è un Incanto, tutto è destinato a Morire, tutto è destinato a rinascere sotto nuova forma.
La tua linea del tempo non è retta, è circolare, ed è questo il tuo Incanto, l’Incanto del cerchio infinito, senza inizio ne fine.
L’Incanto di ripetere le stesse medesime esperienze senza una fine, per l’eternità.
Il Disincanto è doloroso, poiché si tratta di una morte.
Muore tutto quello che c’è intorno a te, e la morte, spesso, è accompagnata dal dolore.
Tuttavia, successivamente, potresti trovare la Luce.

 

O semplicemente, cosa probabile, un secondo Incanto.

Ma a quel punto avrai capito il trucco, e ciò ti permetterà di affrontare tale Incanto per quello che è; un’illusione, un gioco in grado di donarti preziosa esperienza utile per l’evoluzione personale tua, e per l’evoluzione collettiva.

Perché collettiva?

Uno dei massimi livelli di Incanto è legato all’illusione di poter raggiungere una evoluzione personale sconnessa dall’evoluzione collettiva.
Illusione, questa, molto occidentale.
Ogni evoluzione collettiva favorisce una evoluzione personale, mentre ogni evoluzione personale alimenta quella collettiva.
Che favorisce quella personale.
E così via.

Questo è il famoso cerchio Incantato della Razza Umana, la quale, benché ingenti forze operino da millenni per creare l’Incanto e l’illusione di separazione, è formata da una fitta rete di connessioni invisibili, ed è un unico organismo.

Arriviamo quindi all’Incanto Superno: La Separazione.
Alla radice dell’Incanto, e possiamo dire alla radice del dolore, del rancore, e della paura, vi è la Separazione.
La razza umana è un Organismo Unico, il quale è formato da intere civiltà, che vivono all’interno di aree ben definite, le quali si suddividono in città, paesi, quartieri, strade, case, famiglie e, alla fine, vi è l’individuo singolo (formato da organi, cellule, etc).
Tale Organismo Unico a sua volta è all’interno di una rete planetaria, che è dentro una galassia, la quale è connessa con altri sistemi galattici, i quali sono all’interno di un Universo, che è connesso con altri Universi.
E giunti a questo punto la nostra mente non può proseguire oltre.

Quindi, puoi rilassarti.

Puoi rilassarti davvero.

Perché tu sei molto meno importante di quanto immagini e, all’opposto, sei anche molto più importante di quanto tu riesca a immaginare.
Scegli pure una di queste due frasi, sono piuttosto vere entrambe.
Dipende da cosa il tuo Incanto ti racconta.

 

Rimedi Planetari in caso di Incanto Percepito o Disincanto Ricercato:

  • Rapportarsi con Nettuno se prediligete un rimedio Omeopatico.
  • Rapportarsi con Saturno invece per un rimedio Allopatico.

Nettuno è l’archetipo planetario dell’Incanto per eccellenza. In realtà è una energia molto utile e importante che, come tutte le energie archetipiche, se veicolata male causa tremendi rancori. Attualmente Nettuno è nel segno dei Pesci, e questa combinazione ci permette, con il giusto lavoro, di veicolare correttamente l’Incanto e utilizzarlo per i nostri fini evolutivi. Questo processo durerà ancora svariati anni perché il passaggio di Nettuno nel segno dell’Ariete avverrà nel 2025, e potrebbe causare forti e improvvisi Disincanti. Intanto, per prepararti a tale atto, puoi rapportarti spesso con la sua energia, creare un ponte, una connessione.

Saturno taglia e ci riporta alla realtà dei fatti. Esprime molto bene il Disincanto. Lavorare con Saturno è caldamente consigliato, enormemente consigliato, tuttavia questo pianeta spaventa perché taglia, e taglia di netto.
Saturno è considerato il pianeta Sciamanico per eccellenza poiché è il pianeta di ponte, funge da confine tra i pianeti “personali” e i pianeti transpersonali. Essendo l’ultimo pianeta visibile a occhio nudo noi possiamo rapportarci con esso per poter raggiungere i reami multidimensionali. Che ci piaccia oppure no, se vogliamo viaggiare oltre, Saturno è una tappa obbligata, a meno che non si voglia vagare a caso nel buio, pratica che personalmente non incoraggio.

In questo momento storico (Aprile 2018) Saturno e Nettuno sono rispettivamente in Capricorno e in Pesci. Si tratta di due posizioni favorevoli per entrambi, ancor di più a partire dal 2019, momento nel quale formeranno tra di loro un preziosissimo Sestile (ovvero, un aspetto positivo), e favoriranno ampiamente i processi di Incanto consapevole e Disincanto volontario.

Il momento è fertile quindi, non indugiate, non temete, che un luminoso Disincanto si posi sui vostri occhi, e che da essi possa sgorgare la Luce all’esterno affinché illumini dolcemente le vostre Ombre.

Thsh Clud,

Autunno.

Sciamanesimo 2.0 è un progetto in costante evoluzione, indipendente, libero da pubblicità/spam e completamente autofinanziato, e presenta svariati contenuti gratuiti tra cui: dirette quindicinali su Instagram, articoli e post trasformativi, ampia disponibilità via Email e nei social network.
Ogni donazione, anche minima, è molto gradita, e verrà utilizzata per la crescita del progetto stesso.
Puoi scegliere se effettuare una donazione automatica a cadenza mensile o una tantum.
Se ti piace il progetto e vuoi sostenerlo, clicca sul pulsante qui sotto per effettuare la donazione che vuoi tu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: