Incanto

L’Incanto.

E’ estremamente facile e al contempo praticamente impossibile accorgersi di essere vittima di un Incanto. A volte potrebbe volerci una vita intera per accorgersi di questo. Altre volte, invece, non basta una vita sola.

Gioie, dolori, eventi di vita, amicizie, amori, tutto acquisisce un colore particolare; a volte morbido e vellutato, altre volte duro e aspro, ma sicuramente avvolgente e onnipresente.
Rassicurante, nel bene e nel male.

Spesso la magia è così forte, ed è iniziata in epoca così remota, da pervadere la totalità della vita e garantirsi il monopolio delle emozioni e dei pensieri della vittima di tale magnifico incantesimo.

Si perde completamente la capacità di ricordare com’era la vita prima di imbattersi in esso e, nei casi più estremi, non esiste nient’altro all’infuori di tale Incanto. Ogni evento della vita, interiore ed esteriore, viene tradotto secondo il linguaggio, gli schemi, i pensieri, le percezioni, le emozioni e i sentimenti imposti da esso.

Tutti noi vediamo la vita in modo personale, con limiti e aperture differenti, e traduciamo gli eventi esteriori ed interiori in base alla nostra esperienza, alla nostra capacità intellettiva, percettiva, e alle nostre diverse caratteristiche animiche. Esistono però situazioni che vanno oltre le semplici differenze qui citate: alcune realtà Incantate ci pervadono completamente e ci fanno credere che tutto ciò che sta al di fuori di esse sia fasullo e malefico.

Discorrere di tale argomento in realtà è molto complicato e poco produttivo, poiché chiunque sia vittima di un Incanto tenderà a tradurre queste parole in base alla realtà fiabesca che coordina e gestisce la sua psiche.

Esistono però alcune frasi chiave che possono aiutarti a capire ciò che sto descrivendo. In realtà la lista potrebbe essere infinita, si potrebbero infatti classificare e descrivere vari livelli di Incanto, ma qui mi limiterò a citare solo alcune situazioni tipiche, quelle che ritengo essere le più comuni.

  • Tendi a suddividere il mondo, le persone, le esperienze di vita, e le energie, in maniera nettamente positiva o negativa.
    Quando il tuo limite tra bene e male, e tra positivo e negativo, è delineato in maniera netta e totale, è un segnale che potrebbe indurti a capire di essere vittima di un Incanto. Nel corso del cammino spirituale mettere in discussione continuamente bene e male, giusto e sbagliato, e trovarsi spesso al confine tra i due, è invece un chiaro indice di indipendenza spirituale e libertà mentale. L’individuo in questo caso è proiettato verso un sentiero di onesta ricerca della Verità.
  • Vi sono intorno a te entità multidimensionali, o esseri umani, che ti comunicano spesso cosa è bene e cosa è male, e tendi a stare entro i confini da essi delineati.
    Le entità multidimensionali, le guide e gli alleati che hanno a cuore il tuo cammino evolutivo e di luce, non entrano mai in contatto con te se non sei tu stesso a dargli il permesso, non comunicano con te se non richiedi il loro consulto, non parlano se non vengono interpellati, non intervengono se non viene richiesto il loro aiuto. Le opinioni rispetto a ciò che è bene e ciò che non è bene per te non vengono mai espresse. Chi ha a cuore veramente la tua evoluzione interiore, sa molto bene che l’unica cosa che ti permette di sviluppare il discernimento è esclusivamente la tua esperienza diretta. E questo vale anche, e soprattutto, con altri esseri umani, guide, maestri, e insegnanti che puoi trovare nel corso del tuo cammino.
    Tuttavia possono accadere connessioni spontanee con alleati e spiriti di luce. Questi contatti capitano ogni tanto nel corso del cammino spirituale e spesso portano con sé esperienze estatiche e intuizioni luminose. La capacità di ritornare ad un punto centrale della coscienza da parte dell’individuo che fa esperienza di tali connessioni è una delle basi del lavoro spirituale. Tradurre tali esperienze in termini ordinari invece, causa un potente processo di separazione. L’individuo in questo caso diventa vittima di un Incanto, e inizia un anticlimax verso le tenebre della coscienza.
  • Ricerchi esperienze spirituali luminose estatiche, senza associarle ad un percorso di crescita costante e quotidiano.
    Questa è una situazione pericolosa. Le esperienze energetiche possono causare in noi dipendenza e assuefazione, come vere e proprie droghe. Il mondo materiale perde importanza, si entra in un circolo vizioso dentro il quale tutta la vita viene tradotta in base alle esperienze vissute in quei determinati momenti, rischiando di esserne abbagliati. Il mondo della Luce può creare illusioni consistenti, soprattutto negli individui che ne hanno fatto poca esperienza nel corso della vita, ed è capace di fagocitare esattamente come il mondo dell’Ombra e della Paura, se non addirittura peggio, causando meravigliosi Incanti di estasi e connessioni con il Divino. Uscire da queste situazioni è molto difficile, accorgersi di esserci dentro lo è ancora di più. Come tutti sappiamo, raramente sopraggiunge il desiderio di risvegliarsi da un sogno incantato.
  • Ricerchi assiduamente la tua Anima Gemella, o sei coinvolto in un rapporto sentimentale con la tua Anima Gemella o presunta tale.
    Internet, i Social Network, e la moderna letteratura commerciale new age, hanno creato danni immensi nelle persone a causa dei discorsi relativi alle Anime Gemelle. Questi rapporti, vissuti secondo una prospettiva spirituale di “predestinazione”, sono in grado di trascinarci dentro una potentissima realtà Incantata. Esperienze meravigliose ed estatiche si alternano ad esperienze drammatiche e profondamente dolorose, causando un circolo vizioso potentissimo che trascina i due individui coinvolti nel rapporto in una voragine senza fine. Il livello di Incanto qui è uno dei più forti, poiché si è vittime di entità predatorie molto potenti e il coinvolgimento a due alimenta a dismisura il potere dell’Incanto.

Come uscirne?

Nessuno ne può uscire, sembrerebbe. Però tutto ha delle falle, anche le strutture più sofisticate.
Anche le strutture millenarie.

Continua sull’articolo successivo: Il Disincanto.

 

Post Scriptum – Le idee, le teorie, e le opinioni espresse in questo articolo hanno una funzione prettamente strategica e non sono promotrici di giudizi verso nessuno. Poiché, in un certo senso, siamo tutti quanti vittime dell’Incanto della vita e lo saremo fino alla fine dei nostri giorni sul pianeta terra. Si tratterebbe quindi, idealmente, di passare da un Incanto ad un altro, augurandosi, prima o poi, di diventare attori coscienti dell’Incanto della vita, e creatori di Incanti Consapevoli.

Buon Incanto a tutti.

 

Thsh Clud,

Autunno.

Sciamanesimo 2.0 è un progetto in costante evoluzione, indipendente, libero da pubblicità/spam e completamente autofinanziato, e presenta svariati contenuti gratuiti tra cui: dirette quindicinali su Instagram, articoli e post trasformativi, ampia disponibilità via Email e nei social network.
Ogni donazione, anche minima, è molto gradita, e verrà utilizzata per la crescita del progetto stesso.
Puoi scegliere se effettuare una donazione automatica a cadenza mensile o una tantum.
Se ti piace il progetto e vuoi sostenerlo, clicca sul pulsante qui sotto per effettuare la donazione che vuoi tu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: